Thinking At the Edge (Pensare al Margine)
   
Chi siamo Contatti
 
"Lungi dal ridurre o limitare ciò che viviamo implicitamente e che vogliamo verbalizzare, una nuova affermazione è fisicamente un ulteriore sviluppo di ciò che sentiamo o che vogliamo esprimere. Per questo, scrivere e leggere ciò che abbiamo detto può generare ulteriore vita." Eugene Gendlin

Thinking At the Edge (Pensare al Margine) è la seconda pratica dopo il Focusing che nasce dalla Filosofia dell'Implicito di Eugene Gendlin. Questa pratica ci invita a connetterci attraverso il felt-sense (il sentire corporeo significativo) con un’area di sapere implicito - quello che fa parte del nostro vissuto e che orienta le nostre esperienze, ma che non è ancora stato verbalizzato - e ci guida passo per passo a esplicitarlo attraverso un linguaggio nuovo, personale, che nasce dal corpo e che rimane vicino al nostro sentire. Questo linguaggio non solo ha il potere di comunicare con altri in maniera genuina e originale, ma ci permette di entrare più profondamente nelle esperienze descritte, arricchendo il nostro vissuto e la nostra forza vitale.

 

MODULO 1: INTRODUZIONE AL PENSARE AL MARGINE

DATE: cinque martedì, cominciando da gennaio 2018 (9, 16, 23 e 30 gennaio e 6 febbraio).

ORARI: dalle 19 alle 21.

INCONTRI IN VIDEO CONFERENZA: Gli incontri si terranno via video-conferenza sulla piattaforma zoom. E' necessaria una buona connessione internet per poter partecipare al corso. Inoltre sarà disponibile un forum online dove i partecipanti troveranno la descrizione dei passi del TAE, potranno inserire il loro processo e in questo modo condividerlo con gli altri. Una volta iscritti al corso, i partecipanti riceveranno le informazioni necessarie per le chiamate e il forum.

COSTO: 400 € con iscrizione entro il 20 dicembre 2017, o 360 € con iscrizione entro il 30 novembre.

DESCRIZIONE DEL CORSO: In questo modulo incontreremo i primi 5 passi di TAE. Questi passi ci aiuteranno a “pescare” dal nostro sapere implicito per trovare il fulcro di quello che vogliamo comunicare. Ci guideranno a:

  • relazionarci con il linguaggio lasciando che sia il corpo, attraverso il felt-sense, a trovare le parole “giuste” e a rifiutare quelle “sbagliate";
  • decidere che preferiamo affrontare la paura di non essere compresi, piuttosto che abbandonare la specificità del nostro sentire;
  • radicarci in una esperienza concreta, in cui ha vissuto il nostro sapere, e a usarla come un talismano che ci dà forza e ci aiuta a superare le difficoltà di comunicazione. Ci aiuta a trovare il gusto di usare le nostre parole, sentendoci protetti in questo spazio intimo e privo di giudizi.

Al passo 5 rileggeremo il percorso dei nostri pensieri e ne saremo rafforzati. Da qui già potremo scegliere di comunicare ad altri qualcosa di questo percorso.

A CHI E' INDIRIZZATO: Questo corso è indirizzato a chi già conosce il Focusing e vuole
- usarlo per pensare e scrivere,
- estenderne l’uso al di fuori del contesto terapeutico, con un indirizzo più sociale,
- formulare il suo sapere in qualsiasi ambito in cui ha un'esperienza diretta e in prima persona,
- poter comunicare questo sapere in maniera originale e creativa e allo stesso tempo precisa.

PRE-REQUISITI: I partecipanti devono sentirsi a proprio agio nel portare avanti il processo di Focusing in maniera autonoma, senza bisogno di guida. Inoltre è essenziale che siano abituati a fare scambi di Focusing alla pari, mantenendo un’attitudine di ascolto empatico e rispettoso. E' richiesto che i partecipanti si impegnino a fare uno scambio di TAE settimanale, fra una lezione e l'altra, della durata minima di un'ora. E’ fortemente raccomandato che facciano uso del forum, per condividere i propri passi con gli altri partecipanti del corso.

NOTA: il primo modulo sarà seguito dal MODULO 2 in cui arriveremo a concludere la seconda fase di TAE, fino al passo 9. Il corso si terrà seguendo le stesse modalità, in 5 martedì cominciando dal 20 febbraio 2018.

FRANCESCA E TAE: Francesca ha incontrato il processo di TAE nel 2002 in un seminario tenuto da Eugene Gendlin, Mary Hendricks e Kye Nelson. Ha continuato a studiare TAE attraverso seminari tenuti dal Focusing Institute e lezioni private con Kye Nelson. Nel 2005 ha introdotto TAE in Argentina con un seminario a Buenos Aires e nel 2008 lo ha insegnato a Milano. Nel 2010 ha co-organizzato la post-conferenza su TAE e la Filosofia dell'Implicito che ha fatto seguito alla 22esima Conferenza Internazionale di Focusing in Germania. Francesca è Coordinatrice di Focusing certificata dall'Istituto Internazionale di Focusing, e arriva al TAE con un dottorato in antropologia e teoria della danza e lauree in antropologia e scienze sociali. Francesca è nata a Milano dove ha vissuto fino ai diciott’anni. Poi si è trasferita in California per continuare gli studi universitari e continua a vivere negli USA.

NICOLETTA E TAE: Nicoletta ha appreso TAE dalla formatrice canadese, Nada Lou, prima nei corsi della Scuola Estiva dell’Istituto di Focusing a New York nel 2006 e quindi con lezioni private. Ha organizzato i seminari di TAE a Roma nel 2010 e li ha condotti con Nada Lou. E’ stata assistente di Nada al corso di TAE tenutosi nel 2010 in Spagna. Nicoletta è formatrice di Focusing dal 1999 e dal 2004 si dedica anche alla formazione di Trainer, come Coordinator de TIFI. Dal 2012 vive a Buenos Aires, Argentina

 

 

 

Per informazioni e iscrizione mandare una e-mail a Nicoletta, nicoletta.corsetti@gmail.com

Home

Chi siamo

Contatti

MailingList

Cosa è il Focusing

Formazione

Sessioni Individuali

 

Per saperne di più

© 2017 Focusing e Ascolto info@focusing.it