Ass. Serendipità
via San Quintino, 8
00185 Roma
tel. 06 7096041
 info@focusing.it

Home
Cos'è Focusing
    ►Cos'è
    ►Quali sono i benefici
    ►Come si pratica
    ►Come si può imparare
    ►Origini
    ►Chi è E. Gendlin
Formazione
    ►Percorsi formativi
    ►Seminari
    ►Incontri di gruppo
►Calendario
    ►Calendario Seminari
    ►Incontri di gruppo
    ►Percorso B
    ►Eventi
Per saperne di più
    ►Presentazioni gratuite
    ►Bibliografia
    ►Letture
    ►Links
E-Mail
LETTURE

Il primo passo di Focusing rende più efficace qualsiasi tecnica di riduzione dello stress

Eugene T. Gendlin, PhD

traduzione di Nicoletta Corsetti

Spesso durante il rilassamento e la meditazione permane un residuo di tensione nel corpo, sebbene la persona si distenda profondamente. A volte questo si manifesta come un'atmosfera interiore grigia e sgradevole, il più delle volte non si nota niente di particolare, ma il corpo continua a mantenere uno stato di tensione, senza che la persona ne sia consapevole. 

Le persone che conoscono il Focusing raramente impiegano soltanto i metodi usuali di riduzione dello stress, infatti conoscono un altro modo di affrontare lo stress, che impiegano in associazione e prima dei metodi usuali. Il primo passo del processo di Focusing di per sé provoca un certo grado di rilassamento, ma non più profondo del livello di ingresso a certi stati alterati. Se prima dell'utilizzo di ogni altro metodo ha luogo il rilassamento corporeo proprio del primo passo di Focusing, si ottiene una riduzione dello stress molto più grande. 

Lo stress che la maggior parte delle persone portano nel corpo è quasi sempre in relazione con diverse situazioni della loro vita, non soltanto con una. È tipico trovare che il corpo della persona sta sopportando uno o due fattori di stress più importanti e di lunga durata, insieme a parecchi fattori di stress secondari, ma acuti, legati agli eventi del giorno. Tutti i fattori di stress sono, per così dire, "intrecciati insieme" nel corpo. Piuttosto che essere disposti l'un accanto all'altro, ciascuno "si somma" agli altri, con il risultato di un grande carico di stress complessivo. 

I metodi usuali di riduzione dello stress affrontano questo carico di stress come un tutt'uno. Nel primo passo di Focusing i fattori di stress vengono "selezionati". In questa procedura ogni singolo fattore di stress viene a galla separatamente dal resto del carico generale e "viene spostato fuori del corpo". A questo punto c'è la possibilità di verificare se quel particolare fattore di stress ha effettivamente lasciato il corpo e se il corpo si sente in qualche modo liberato. Se non è così, ci sono modi specifici per far sì che ciò avvenga. Quindi questa procedura permette di far emergere un altro fattore di stress, individualmente e separato, di "spostarlo fuori" e così via, fino a che la persona non abbia "spostato" tutti i fattori di stress che si portava addosso in quel momento. In questo modo si raggiunge e si sperimenta direttamente un grado molto più grande di riduzione dello stress che con i metodi usuali. 

E' possibile sperimentare come ogni fattore di stress è ben più leggero, una volta separato dagli altri. Anche quando lo scopo è lavorare alle cause, piuttosto che soltanto alla riduzione dello stress, ordinare i fattori di stress li rende molto più sopportabili di quanto fossero prima. Non si presentano con lo stesso grado di pesantezza di quando erano mescolati tra loro. 

Il primo passo di Focusing può essere insegnato a persone che non conoscono il Focusing, anche se, a partire da questo, sarà naturale continuare con altre istruzioni di Focusing. 

Alcuni potranno comprendere questa procedura immediatamente grazie ad una serie di istruzioni. Altri devono in primo luogo imparare a percepire il proprio corpo dall'interno e quindi imparare lo speciale tipo di attenzione rivolta all'interno, caratteristica del Focusing. 

Il periodo di addestramento medio è di circa quattro o cinque sedute di un'ora.